Perec, tra spazio e memoria

È sicuramente la novità letteraria dell'anno. Finalmente dissigillate le buste lasciate da Georges Perec, ora pubblicate in Lieux (Seuil), e accessibili liberamente in rete. Un grande patrimonio letterario, dono postumo del geniale scrittore francese.

Georges Perec è morto nel 1982 a soli 46 anni, ma la sua eredità è senza tempo, e lo è ancor di più da quando finalmente sono state pubblicate in Lieux (Seuil, 29 euro) le 133 descrizioni di luoghi parigini, che nelle intenzioni dovevano essere 288, e che erano state sigillate in attesa di completare l’opera. Perec mescola in queste descrizioni il racconto oggettivo dei luoghi e quello della sua memoria vissuta e autobiografica. Ma il grande regalo fatto ai lettori è quello di poter usufruire del legato del grande scrittore in un percorso multimediale, reperibile su lieux-georges-perec.seuil.com, con la bellezza di poter scegliere un luogo da cui partire e costruirsi un proprio percorso. Preferite partire da Jussieu, Place d’Italie, Contrescarpe, Mabillon, Vilin? E da che anno? Perché i luoghi sono descritti per anni dicersi, tra il 1969 e il 1975. Nessuno spoiler possibile è dato per questo affascinante gioco combinatorio, che alla fine darà, per contraddire Karen Blixen, percorsi diversi di una vita. Buona passeggiata.

Subscribe

Related articles

L’avvocato Woo e le balene

Traghettata dal piccolo Small cable network a Netflix, dove...

“Another Self” su Netflix

Una Turchia densa di metafore del rapporto con il...

Partecipazione progetto Erasmus

Si prega di riempire tutti i campi, per confermare...

Cinquanta sfumature di poliziesco

Delude "La Stazione" di Jacopo De Michelis, fantapoliziesco rosa...