La Milano del commissario De Vincenzi

0
2

Ritrovo alla metro rossa, fermata Domodossola Fiera, con Luca Crovi. Poi, via passeggiando alla scoperta di una Milano che non c’è più, quella di fine anni Venti, raccontata dallo stesso giallista, attraverso la figuria del commissario De Vincenzi.

Più sotto il modulo e il contatto per iscriversi. Chi ha la tessera ed è in regola con le quote sociali, parteciperà gratis. Gli altri possono naturalmente farla, valida per il 2022 e gli ultimi mesi del 2021.

Sarà un viaggio speciale nella Milano di De Vincenzi, di Toscanini, di Segovia, di Verdi, di Mussolini, di Ponti. Sabato prossimo alle 15 passeggeremo con Luca Crovi, uno dei maggiori esperti di genere in Italia e creatore del commissario Vincenzi, che si muove con leggerezza poetica negli anni del fascismo.
In due noir come “L’ombra del Campione” e “L’ultima canzone del Naviglio” pubblicati da Nero Rizzoli lo scrittore Luca Crovi ha costruito due inchieste apocrife del commissario Carlo De Vincenzi creato da Augusto De Angelis, due vicende che si svolgono nel 1928 e nel 1929. I due romanzi sono un viaggio nella memoria di Milano dell’epoca e in due anni chiave per la città e questo ci permetterà di visitare in compagnia di Crovi posti che all’epoca costituivano centri nevralgici della città: la sede della Fiera Campionaria, la piazza delle Quattro Stagioni, la Villa Faccanoni-Romeo, la Casa di Riposo Giuseppe Verdi. L’itinerario prevede anche soste a casa Callas in via Buonarroti, alla dimora di De Vincenzi in via Massena, alla prima casa di Giò Ponti, alla Torre Littoria del Parco Sempione e al Ponte delle Sirenette.

Per iscrizioni e informazioni

Puoi inviare un messaggio Whatsapp al 334 28 23 069 oppure riempire il modulo sottostante.

Inviando queste informazioni, autorizzi Pluriversi Aps al loro trattamento per dar corso alla tua richiesta.