Un (commosso) ricordo di Marc Augé, etnologo della città.

Non ho mai letto l’Augé africanista e strutturalista, lo confesso. Ho iniziato a leggerlo con l’uscita di Un etnologo nel metrò, pubblicato in Italia da una casa editrice di nicchia, Eleuthera, e l’ho subito adorato. In quegli anni iniziavo a studiare antropologia, mi piaceva così tanto che l’ho biennalizzata, ci ho aggiunto antropologia economica, ci ho fatto la tesi di laurea. Quando sono andata a Parigi per un soggiorno Erasmus, la mia bibbia era proprio il libro di Augé. Poi sono usciti i Nonluoghi. Grazie ad Augé è nata la mia passione per l’antropologia dello spazio, su cui ho svolto la mia tesi di dottorato. Sono passati parecchi anni ma è sempre una soddisfazione quando vedo che qualcuno su Academia la legge.

Infine Nonluoghi, seguito poi da Disneyland e altri nonluoghi (Bollati Boringhieri) lì secondo me Augé non aveva del tutto ragione, anche il supermercato può essere un luogo, anche un albergo o un distributore di bibite. Augé sottovalutava le abitudini, i gesti, le relazioni, l’inserzione in contesti più ampi.

Oggi riscriverei la mia tesi dicendo che non dobbiamo dare tutta questa importanza ai centri. E’ il gioco delle élites e degli architetti, dei poteri, ma ciò che è altrettanto importante è la volontà delle persone di costituire luoghi abitabili per loro stesse in periferie, nicchie, sobborghi autonomi e dotati di vita, simboli, contesti e modalità di relazione propri. Lo spazio non è così ordinato strutturalmente, ci sono continui tentativi di eversione che vanno colti, e in questo senso hanno lavorato altri antropologi come Agier. Un cortile del Giambellino o di Quarto Oggiaro con i loro ricordi di infanzia e adolescenza, di vite difficili, di murales, di spaccio e sentinelle, di mamma chiamata al balcone, ci parlano altrettanto di una Piazza Duomo con i suoi funerali di Stato. Là dove Augé non è arrivato ci aiutano a proseguire le TAZ di Hakim Bey, le eterotopie focaultiane, i percorsi di De Certeau e la sua invenzione del quotidiano.

Il grande merito di Augé è stato quello di smarcarsi dal saggio accademico rigidamente strutturato per tesi e dimostrazioni, e usare l’antropologia per fondare un tipo diverso di letteratura, una letteratura etnologica basata su una robusta griglia e metodologia di osservazione e interpretazione, ma anche con una sua poetica, con un quid soggettivo imponderabile, nel quale la soggettività dell’osservatore c’è anche se non si vede.

Se è criticabile, è anche perché le sue tesi stimolano e chiamano alla sfida, alla verifica, e la loro falsificazione è ad ogni modo l’omaggio ad un maestro che con le sue teorie ha portato l’antropologia dello spazio in Europa.

Una volta l’ho visto alla presentazione di Disneyland e altri nonluoghi con Giulio Giorello. Allora non era ancora così famoso e c’erano poche persone, era più un incontro per pochi estimatori. Una grandissima emozione vedere questi due maestri insieme. Augé così pacato e strutturato, Giorello al suo solito così intellettualmente erratico e svolazzante.

Quando andate a Parigi, non mancate di acquistare gli esili e densi libri di Augé. Sono tra le guide migliori. Anche la Traversée du Luxembourg, che considera il parco come parte integrante del contesto urbano. I francesi sono ancora così capaci di colonizzare, addomesticare, piegare ogni spazio, anche i più solenni, assoggettandolo ai tempi quotidiani della pétanque.

Leggere questi testi può aiutarci ancora moltissimo nell’interpretare lo spazio che abbiamo intorno.

spot_img

Explore more

spot_img

Sul Naviglio Grande con Luca Crovi

Ieri Luca Crovi ci ha portati a fare una passeggiata tra Naviglio Grande e Darsena, sfoggiando la sua inesauribile miniera di dettagli ed episodi...

Da Barbie a Barbara. Metamorfosi di una bambola

Dopo aver visto Barbie in versione originale all'Anteo di Milano, ed esserci deliziati come non ci accadeva dalla narrazione postmoderna dell'era postglaciale, ne usciamo...

L’insostenibile leggerezza di Shondaland

Se le due prime serie Bridgerton approcciavano timidamente temi di interesse sociale, La Regina Carlotta è il vero capolavoro in senso popolare, come lo...

Bud Spencer a Seoul

Bud Spencer è vivo, si è solo trasferito in Corea, si chiama Ma-Seok Do, è un pezzo di gigante che ti sfracella con una...

Dieci giorni al ritmo di hard boiled

Netflix può essere paragonato al limo di un fiume dove setacciare pazientemente l'oro dal fango. Tramite una certosina e accorta opera di richiamo di...

Insostenibile pesantezza del cibo sostenibile. Pluriversi a Green Week

Sabato 1 ottobre alle 18.30 interverremo alla Tavola Rotonda di Green Week organizzata a Milano presso l'anfiteatro Martesana per parlare di cibo sostenibile. Con...

L’avvocato Woo e le balene

Traghettata dal piccolo Small cable network a Netflix, dove ha iniziato a essere trasmessa a luglio, questa serie, che ha ottenuto straordinaria popolarità nel...

“Another Self” su Netflix

Una Turchia densa di metafore del rapporto con il passato Ada è un giovane chirurgo di successo, Sevgi un avvocato e Leyla una donna facoltosa,...